domenica 1 aprile 2012

Frittata con le cipolle per una meravigliosa toscanaccia

MHack.jpg su Wikimedia
Foto tratta da Wikimedia

Ricorderò sempre un'intervista della Hack tanti anni fa. Alla domanda (cito a braccio, ma il senso era questo) "Ma lei la sera quando va a letto non sente l'esigenza di ringraziare Dio per tutto quello che ha avuto dalla vita?"
Risposta secca della Hack "Assolutamente no, mi sento di ringraziare solo me stessa che sono riuscita a fare il lavoro che volevo e che mi appassiona studiando e lavorando sempre con passione e impegno"

La ragazza la conoscete tutti.
La foto parla da sè. Quei capelli che vanno dove vogliono, e, in mezzo, due occhi azzurri così vivaci e mobili, di persona curiosa e piena di vita.

Parlarne in questa sede, dopo suor Maria Celeste, ha un suo senso. Per contrappasso, ma anche per similitudine.

La Hack è un'astronoma di rango. Membro dell'accademia dei Lincei, per anni direttrice dell'Osservatorio Astrofisico di Trieste e del Dipartimento di Astrofisica dell'Università della medesima città, e molti altri titoli che non sto ad elencare.
Il legame di Suor Maria Celeste con l'astronomia è evidente, visto che il padre Galileo ha inventato (o, meglio, perfezionato) il telescopio.
Suor Maria Celeste è nata a Padova, ma si è trasferita a Firenze giovanissima e ha passato tutta la sua vita al convento di San Matteo in Arcetri, sulle colline della città.
La Hack è nata a Firenze, ed ha studiato Fisica ad Arcetri, dove si è laureata. Però poi anche lei se n'è andata via, a Trieste.

Ma la chiusura del cerchio sta nel contrappasso: Suor Maria Celeste era molto molto pia, mentre la Hack è un'atea sfegatata.
Tanto per dire, è presidente onorario (insieme ad altri illustri colleghi, dell'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti.
Quelli dello sbattezzo, per intenderci :-)
.... E delle campagne per la libertà di scelta, anche sul fine vita. Quelli che si battono contro l'8 per mille (6 miliardi di euro l'anno alla Chiesa Cattolica... Soldi nostri. Così, tanto per ricordarcelo ogni tanto).

È pure comunista (e infatti con i Comunisti Italiani si è varie volte candidata alle elezioni, come peraltro anche l'astronauta Guidoni...)

Ama i gatti, e da sempre (non solo da ora che è un'arzilla vecchietta) se ne frega del proprio look, anzi, se proprio devo dire chi mi ha sempre fatto venire in mente, ecco, direi Maga Magò. E dato che anche io mi identifico un po' in Maga Magò, potevo non parlare della mia esimia concittadina?

Di lei sapete quasi tutto. Forse non che ha scritto anche libri di divulgazione scientifica per i ragazzi, ad esempio questo.

E forse non sapete nemmeno che si è impegnata in prima persona nella battaglia degli Universitari contro una Riforma dell'Università che ha ridotto le risorse degli Atenei ai minimi termini, rendendo estremamente difficile svolgere la normale attività di ricerca. Lei c'era, ci ha messo la faccia e, nonostante gli anni, ha pure tenuto una memorabile lezione aperta di astronomia in piazza della Signoria a Firenze durante le proteste.

Insomma, una che si dà da fare, e quando pensa che sia il momento, non si tira certo indietro.



La Hack è una vegetariana convinta, quindi niente che contenesse carne o grassi di origine animale.
È pure una persona abbastanza spiccia, che non abbinerei a cibi particolarmente raffinati.

Insomma, una bella frittata con cipolle mi è parsa ideale! Vegetariana, semplice, rustica.
E poi qui in Toscana, dove lei è nata, le frittate, o tortini come vengono chiamate, sono sempre molto apprezzate. Soprattutto se la accompagneremo con una bella insalatina di radicchi di campo comprata al mercato, come ho fatto io.

È davvero versatile: mi piace molto anche il giorno dopo, fredda, da sola o come ripieno di un panino sostanzioso.

Perfetta per i pic-nic, ma anche tagliata a cubetti e infilzata con uno stecchino, come finger-food per un buffet in piedi, dove non sfigura affatto accanto a piatti più eleganti.

Questa dichiarazione d'amore mi aiuta a superare la vergogna di proporvi una ricetta comunque così semplice e banale, ma lo faccio lo stesso.

In fondo le frittate sono presenti in tantissimi libri di cucina, nel mio blog non ce n'era nemmeno una, finora.

E poi la frittata è un piatto senza rischi di contaminazioni da glutine, quindi perfetta da preparare anche se non si è tanto esperti di gluten free.

Insomma, W le frittate!

frittata con cipolle
Frittata con le cipolle
Ingredienti
(per 4 persone)
  • 6 uova
  • latte q.b.
  • 2 grossa cipolla
  • insalata di radicchi di campo (misticanza)
  • olio e aceto per condire l'insalata
  • olio per la frittata
  • sale
Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere consumati tranquillamente devono avere il simbolo della spiga barrata, oppure essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia, o nell'elenco dei prodotti dietoterapici erogabili.
Preparazione
Sbattere le uova in una scodella con un gocciolino di latte, un bel pizzico di sale e una spruzzatina di pepe.
Togliere le parti esterne alla cipolla e tagliarla ad anelli abbastanza sottili.

Metterli in un'ampia padella con un filo d'olio, e farli appassire un pochino, ma senza che prendano colore, tanto continueranno a cuocere con le uova.

Aggiungere le uova sbattute, e farle rapprendere da un lato. Girare la frittata con l'aiuto di un coperchio delle dimensioni esatte della padella, farla cuocere pochissimo anche dall'altro lato e servirla insieme all'insalata.

35 commenti:

  1. hahaaaaaaa! Allora anche te fai le ore piccole!
    Sai, mi hai già conquistato con il primo paragrafo... e poi lei mi è sempre stata simpatica! Poi mi ci metti una frittata del genere... più che azzeccata!

    besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche secondo me la frittata era perfetta. con le cipolle, poi...
      lei è una ganza, una forza della natura. non te le manda a dire, in modo semplice. non è uno di quei sapienti arroccati nella loro torre d'avorio che si nascondono dietro la loro scienza, è una che si mette in gioco, con semplicità e in modo diretto.

      Elimina
  2. La Hack mi è sempre stata particolarmente simpatica con quel suo look sgarrufato, gli occhietti vispi e l'aria quasi da nonnina della porta accanto. Ce la vedo bene con non solo con la frittata, proprio con questa alle cipolle, rustica e "saporita" come sa essere lei. Un bacio, buona settimana
    P.S. tanto per...la frittata con le cipolle è la mia preferita ^_^

    RispondiElimina
  3. Ciao Gaia, bellissimo post, anch'io adoro questa donna, dall'aspetto umile ma, da una mente infinta.... mi piace tutto ciò che hai scritto su di lei e l'abbinamento con la frittata la trovo perfetta.. ^.^
    buona settimana "Santa"

    RispondiElimina
  4. Adoro la frittata di cipolle e di un buono inaudito e anche io fui conquistata dalla Hack quando venne a scuola dove insegno e parlò ai miei alunni... che per una volta rimasero in silenzio incantati da questa donna.
    Io sono totalemnte diversa da lei, ma non ti nascondo tutta la mia invidia per una persona come lei, schietta, spartana, intelligente sagace, che del conformismo se ne fa un baffo! Evviva Maga Magò! ;)
    P.s. Mi ricordavo perfettamente che tu la usassi la farina di granosaraceno bianca, ma quando chiesi nel gruppo chi mi desse la ricetta, la prima a farsi avanti fu Anna Lisa... tu ti colleghi troppo tardi, gelosona mia! ;)

    RispondiElimina
  5. Ma ti è arrivato il mio commento?

    RispondiElimina
  6. @federica la frittata con le cipolle mi sa che è la preferita di molti! non ce n'è una altrettanto saporita... anche se io vado matta pure per quella di carciofi

    @ann@ mi fa piacere che siamo in sintonia. vedo che con la frittata ci sta bene?

    @fantasie sono contenta che ti piaccia Maga Magò, perché mi ci identifisco parecchio :-)
    per la farina di grano saraceno e le crepes, scherzavo mia cara. è che ora che sono lontana da FB penso di perdere tutti i miei amici e che nessuno, come calimero, mi voglia più bene...

    @fantasie come vedi mi era arrivato!

    RispondiElimina
  7. Mi pare che l'abbinamento frittatona-margherita sia perfetto! Quindi, per la cucina di Gaia: "frittata margherita", giusto per sostituire nell'immaginario collettivo un'altra specialità "margherita" che ci portiamo dietro da un bel po' di tempo. Hack è davvero donna straordinaria! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si la frittata margherita mi piace. di sicuro non sarà un piatto monarchico :-)
      si, la margherita nazionale è proprio una ganza

      Elimina
  8. Anche io ho sempre ammirato la ragazzaccia di San Frediano. E la frittata di cipolle mi pare non solo l'ideale, ma buona buona! Ho solo due puntualizzazioni da fare. La prima è che direi (per favore, non scherziamo sulle cose serie) che la Hack è comunista non "infatti", ma "nonostante" si sia candidata più volte con quell'assurdo caravanserraglio tassidermico che è (stato) il PdCI. L'altra è che gli UAAR non sono quelli di tutte le cose che dici, ma quelli che hanno preso ad altre e meno esibizioniste associazioni tutte le battaglie che dici. Che poi hanno sbandierato come proprie senza aver mosso un muscolo di fatica per far partire le iniziative e (di preferenza) senza citare la fonte. Ma infatti, non a caso, si proclamano atei, mica laici, che è ben altra e più difficile cosa.

    RispondiElimina
  9. Adoro la Hack e quando la sento parlare con quella vociona da donna anziana e sicuramente lo è visto che veleggia verso i 90 anni mi chiedo: "Ma io fra 20 anni... ebbene sì anche io sono una ragazzaccia di quasi 70 anni, ..sarò lucida ed in gamba come lei??"
    E' veramente un esempio , come del resto anche la Montalcini si possa, salute permettendo, fare grandi cose ad un'età così avanzata..
    E sono certa che si farebbe una scorpacciata con la tua ottima frittata!!!
    Bello questo post come pure quello che lo precede!!

    RispondiElimina
  10. la ragazza è una delle donne più oneste e coerenti che abbia mai sentito parlare....da lei c'è solo da prendere esempio, a prescindere dalle personali idee e convinzioni....
    brava, la frittata le piacerebbe senz'altro secondo me :)

    RispondiElimina
  11. Cara Gaia, non potevi offrire omaggio migliore e più gradito a quella ragazzina, una bella frittata di cipolle: minima nella preparazione, esplosiva nella sua manifestazione. Anche se lei di frittate nella sua vita non ne ha mai combinate, ma solo ciambelle e tutte perfettamente riuscite col buco. Auguro a te una Buona Pasqua (Margherita non ci crede) e a entrambe una buona vita.

    RispondiElimina
  12. io io io, ci sono io che ti voglio bene ancora di più lontana da quel marchingegno antisocioblogghistico che è FB! e mi piace assai questo post e la tua bella frittata! un abbraccio caloroso (24°) :-XX

    RispondiElimina
  13. eh eh eh mi piace l'accostamento Hack/ Frittata di cipolle :D

    RispondiElimina
  14. I miss u....... ma un alto account fb solo con chi ti vuole bene ???? baci, Flavia

    RispondiElimina
  15. @la povna capisco quello che dici sullo UAAR, però penso che ci sia posto un po' per tutti, in questi ambiti. non si tratta di scoperte scientifiche, o di invenzioni da brevettare, ma di fare informazione e cercare di veicolare il più possibile certi concetti, e più sono quelli che lo fanno meglio è. per fare un esempio, non credo che la battaglia per un la libertà di scelta sul fine vita sia una cosa sulla quale esista una "fonte", credo che sia una battaglia civile per la quale ogni contributo è benvenuto, se serve a farne parlare, e a far riflettere le persone.

    @mammazan mi fa piacere che i post ti siano piaciuti, ogni tanto si può parlare di cucina parlando anche d'altro, no? come tu ci insegni con le tue belle citazioni che ci fanno tutti riflettere

    @il cucchiaio magico anch'io la apprezzo, la cito spesso ad esempio

    @sonia grazie cara di questa manifestazione di affetto! :-*

    @gio buffo, vero?

    @EliFla ma che cara! no no per ora ho deciso di soprassedere, troppo tempo ci perdevo, ogni tanto bisogna saper scegliere. ma continuo a volervi bene, però!

    RispondiElimina
  16. Ci sono eccome, le fonti: ci sono perché gli avvocati per stendere le bozze per il testamento biologico si pagano, tanto per dire; ci sono perché per coinvolgere un deputato e/o senatore che porti la proposta di legge in Parlamento ti sbatti (e costa), ci sono perché quelle bozze vengono discusse in iniziative che organizzi, e i risultati sono dovuti a quelle energie, di vario tipo, spese. Ci sono perché i ricorsi al TAR li fai tu, etc. Ci sono eccome. Non so quante battaglie militanti su questioni di laicità tu abbia fatto effettivamente. Beh. Ecco, gli UAAR sono i classici atei da web, salotti e atenei. Prima tu fai tutte quelle cose che ti dicevo per davvero. In strada. Pagando. Poi arrivano loro, fanno una conferenza stampa, usano quegli stessi salotti per pubblicare il pezzo e sbattono tutto online (con parecchi esami del sangue ideologici su chi ha fatto e chi no).
    Vogliamo parlare della campagna sull'8 per mille?
    Vogliamo parlare della campagna sulla RU486?
    Le fonti non ci sono solo su scoperte e scientifiche e brevetti!
    Poi è chiaro che più sono quelli che lo fanno e meglio è. E che all'interno degli UAAR ci sono persone che non sono così. Ma gli UAAR non conoscono troppo il significato della parola coordinamento. E la struttura, per l'appunto, è da vetero-PdCI (e ti assicuro che parlo con cognizione di causa parecchio precisa).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. capisco il tuo punto di vista. e sono certa che quello che dici corrisponde al vero.
      ma io, che di campagne militanti sulle questioni della laicità non ne ho fatte, e sono una semplice cittadina, sono grata a chi le ha fatte, mettendoci il proprio tempo, i propri soldi, la propria creatività e la propria fatica, ma penso che sia utile anche il "nome" che magari non ha fatto niente di tutto questo, ma puta caso è l'editorialista di grido del quotidiano che tira 800.000 copie al giorno, e ci fa un articolo da prima pagina. magari è un narciso, e "si dimentica" di parlare di quelli che si sono fatti il culo altrimenti, ma riuscirà a raggiungere e a parlare a persone che altrimenti non avrebbero sentito. è triste, ma è così. e dal mio punto di vista tutto è utile.

      Elimina
    2. Ma io sono d'accordo: ma dico che in fondo a un comunicato stampa, tanto per dire, puoi mettere delle firme congiunte. E si può, gratis e con fatica zero, mettere le fonti su un sito (specie se ti è stato proposto da persone, associazioni e partiti che chiedono magari solo quello, e niente altro, per collaborare)

      Elimina
    3. si, su questo sono molto d'accordo. è un malcostume diffuso ovunque, purtroppo...

      Elimina
  17. Senti..piatto più azzeccato di così non poteva essere! bella lei, che adoro..e bella la frittata! brava gaia!!!!

    RispondiElimina
  18. Che dire se non che condivido tutto, Margherita Hack è un mio mito e la frittata con le cipolle.... un altro :))) Se avessi saputo della sua lezione in piazza a Firenze ci sarei venuta sicuramente, da appassionata astrofila posso solo esserle grata. In quanto a tutto il resto, ero a conoscenza di molto ma non di tutto, però da lei niente mi stupisce. Non è casuale che la abbia citata insieme alla Montalcino nel mio post sulle donne (st)raordinarie, avevo pensato anch'io ad un piatto vegetariano per entrambe, poi come sai ho ripiegato su tutt'altro :)

    Gaia ti auguro una buona Pasqua... e fb o non fb, rimani una delle mie foodbloggers preferite ♥

    RispondiElimina
  19. mi sono goduta lo spettacolo della tua scrittura, della vecchiaccia caratterialmente adorabile e affine e anche della frittata e m'è venuto in mente un tortino di porri di anni luce fa.

    RispondiElimina
  20. @caris il piatto è semplice e schietto, ma ogni tanto si può vero?

    @anna immaginavo che ti piacesse come persona, tu poi che sei un'astrofila così appassionata!
    e poi con tutte queste coccole mi fai pure arrossire. buona pasqua anche a te! ♥

    @enza ottimo anche con i porri, il tortino, qui da noi è piuttosto gettonato. che piacere rileggerti enza

    RispondiElimina
  21. la frittata di cipolle! che bontà. Quasi quasi oggi la veganizzo :-)

    RispondiElimina
  22. Ciao cara, passo per augurarti una buonissima Pasqua!!

    RispondiElimina
  23. E' vero, ricorda Maga Magò!!! ^_^
    Sicuramente una grande scienziata, non sapevo che fosse anche vegetariana. Perfetto il legame tra donna e ricetta!!! :-9

    RispondiElimina
  24. Le tue Strenne sono sempre meravigliose, e per forza di cosa, a te molto attinenti..
    Anche se devo dire che come Magamago' non ti ci vedo un granchè, ma la prof. Margherita, lei si!!

    Tanti cari auguri,
    Gaia!

    RispondiElimina
  25. Ah come mi sta simpatica la Margherita Hack.
    E certo che li conosciamo quelli dello sbattezzo (il marito ha seguito tutta la pratica, e con grande soddisfazione!).
    Quanto alla frittata di cipolle, insieme a quella di carciofi è quella della mia infanzia, magari tra due fette di pane toscano - appunto - e con l'immancabile insalata.
    Saluti affettuosi

    RispondiElimina
  26. Io passo semplicemente per fare gli auguri di Pasqua! Un abbraccio e, mi raccomando, tante robine buone da mangiare...e questo non lo metto in dubbio!

    RispondiElimina
  27. Buona Pasqua omonima!
    ero convinta di averti già lasciato un segno da queste parti... invecchio male, temo... mica come la Margherita!
    :-)

    RispondiElimina
  28. Ciao, sono tornata! Che bei post e che belle donne che hai scelto! Un abbraccio, e auguri

    Laura

    RispondiElimina
  29. Ciao, sono tornata! Che bei post e che belle donne che hai scelto! Un abbraccio, e auguri,

    Laura

    RispondiElimina
  30. Approvo in pieno la donna che hai scelto ;)
    Un bacione e tantissimi auguri di buona Pasqua!
    Francesca

    RispondiElimina

linkwithin

Related Posts with Thumbnails