lunedì 2 settembre 2013

Ricominciamo... Gradite un soufflé glacé o una torta-gelato senza glutine?



Sono ancora viva. Mica una notizia da poco, in fondo.
Ho finito in bellezza il mio corso. Grande soddisfazione, speriamo che poi serva a qualcosa.
Poi, un mese molto impegnativo: lavori in casa, figli che si rompono gambe, tutto un po' così.
Di cucinare, nemmeno un po' di voglia, né di tempo.

Oggi però sono tornata. A casa, al lavoro, al tran-tran quotidiano.

A scuola c'è stato il primo collegio. Mi ha fatto assai piacere tornare, tutto sommato. Le colleghe, le cose che ricominciano a fluire nel loro corso. Vediamo come sarà il nuovo impatto con le classi. Temo sempre un po' il momento di ricominciare, chissà chi troverò di fronte a me, se sarò capace di dare loro qualcosa, se sarò capace di tenerli a bada, soprattutto... Vedremo.

Però ho dentro anche molta malinconia. Sarà l'età. Sarà la sensazione che non riuscirò a fare nemmeno la metà di un decimo delle cose che vorrei. Sarà che vedo i miei figli crescere e so che tante cose ormai non gliele posso più trasmettere. Saranno molte cose.

E così mi coccolo con un dolce. Di quelli che piacciono a me. Panna, meringa italiana, frutta. Una cosina leggera.

Ne ho fatte due versioni: una versione soufflé glacé, che vi ammannisco qui, ed un'altra versione torta-gelato, che ho pubblicato per La cucina di D. la settimana scorsa. Vedete voi quale preferite...





Soufflé glacé ai fichi
Ingredienti
(per dieci soufflé)
  • 3 uova
  • 180 g di zucchero (per la meringa italiana) 
  • 80 g di zucchero (per la pate à bombe) 
  • 3 cucchiai di zucchero per caramellare i fichi 
  • 250 g  di panna da montare
  • 200 g di yogurth greco 
  • 400 g di fichi
Preparazione
Separare i tuorli dagli albumi.

Preparare la meringa italianaMontare leggermente gli albumi con la planetaria o le fruste elettriche. Nel frattempo preparare uno sciroppo con 180 g di zucchero e 45 g di acqua. Farlo bollire fino alla media bolla (121°C) quindi finire di montare gli albumi aggiungendo a filo lo sciroppo bollente. Far andare le fruste finché la meringa si è raffreddata. Mettere in frigo.

Preparare la pate à bombe
Montare leggermente i tuorli con un cucchiaio (20 g) di zucchero. Nel frattempo preparare uno sciroppo con 60 g di zucchero e 15 g di acqua. Farlo bollire fino alla media bolla (121°C) quindi finire di montare i tuorli aggiungendo a filo lo sciroppo bollente. Continuare a montare finché il composto si è raffreddato. Mettere in frigo.

Accorpare il cremosoMettere la confezione di panna e la ciotola nel freezer per una ventina di minuti. Montare quindi la panna.

Nel frattempo dividere 3/4 fichi in spicchi (4 o 8 a seconda della dimensione dei frutti). Mettere in una padella anti-aderente un paio di cucchiai di zucchero e caramellarlo. Aggiungere gli spicchi di fichi e girarli con una forchetta finché non sono caramellati.
Farli raffreddare su un piatto coperto di carta-forno.

Frullare i 400 g di fichi.

Montare lo yogurth.
Incorporare la purea di fichi allo yogurth e tenere da parte in frigo.

Incorporare la pate à bombe alla meringa italiana, e quindi la panna, mescolando delicatamente dal basso verso l'alto per non smontare le creme.
Mescolare infine il cremoso con il composto di frutta. Mettere in freezer.

Preparare le coppette/tazzine per il soufflé. Fare una striscia di carta forno, doppia, prendere la misura della coppetta/tazzina e metterci un paio di punti per fermarla. Per al spiegazione vedere qui.

Riempire le coppette/tazzine fino al bordo, e mettere in freezer per almeno quattro ore. Al momento di servire togliere il bordo di carta forno e decorare ogni soufflé con uno spicchio di fico caramellato.

La ricetta è tratta dal mio libro, pubblicato da Giunti Editore.

http://www.giunti.it/libri/cucina/pasticceria-gluten-free/

21 commenti:

  1. Buon inizio, allora, il mio non è stato dei migliori :)

    Mi consolo con questo dolce in due versioni, entrambi splendide!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi dispiace stefania, ricominciare è sempre duro, in salita.

      per le due versioni, sempre meglio ottimizzare gli sforzi, non credi?

      Elimina
  2. bentornata, cara gaia! speriamo che dopo questo periodo burrascoso arrivi un po' di pace :) bene hai fatto a coccolarti con queste due meraviglie! e quanti ricordi il soufflé glacé...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Cara Gaia, posso dire che il tuo stato d'animo assomiglia molto al mio? Si, c'è un barlume di energia per il rientro e l'idea di ripartire magari con qualche nuova prospettiva, ma in fondo c'è questa sfumatura fumosa e triste che è lì e balugina....e quando pensi che se ne sia andata, si ripropone più ostinata di prima.
    Meno male che hanno inventato i dolci, e più pannosi sono e meglio è!
    Tiramoci su!
    Un forte abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si è così. sto facendo una fatica tremenda in questi giorni...

      Elimina
  4. oooh finalmente!!! buon inizio anno ...sono sicura che avrai tante soddisfazioni. un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie roberta! speriamo (nelle soddisfazioni intendo)!

      Elimina
  5. Capisco l'euforia e anche la malinconia... ma questo mi sembra un ottimo modo per rimediare (almeno alla seconda) :)

    RispondiElimina
  6. Non so se il mio commento precedente prima o poi uscirà..
    Dicevo che capisco sia l'euforia che la malinconia (che non so se sia un portato dell'età).. ma questo mi pare un ottimo modo per riprendersi (almeno dalla malinconia)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccolo eccolo, sono io che sono lenta :-)

      la malinconia è un portato dell'età? ci devo pensare... forse...

      Elimina
  7. Bentornata Gaia! I rientri anche per me sono sempre un po' duri. C'è la voglia di ricominciare ma anche quella spiacevole sensazione di dover ricominciare da zero un ciclo che si chiuderà sempre allo stesso modo. Mah... sarà la depressione da vacanze terminate?
    Un bacione e coraggio :)

    RispondiElimina
  8. e' un dolce bellissimo! Invita a provarlo, davvero.
    La ripresa autunnale, vero Capodanno - secondo me, porta sempre con se' un velo di malinconia, ma poi e' quasi naturale farsi riassorbire dal ritmo quotidiano.
    A presto.
    PS una madre ha sempre tanto da trasmettere ai propri figli, indipendentemente dalla loro eta'. Ma forse ti riferisci a qualche situazione particolare e privata di cui non sono a conoscenza.
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche tu?!?! anche per me l'anno inizia il primo settembre, è questa la vera cesura. comunque si, poi si rientra nei ranghi. ma ogni anno il bilancio è più faticoso da fare. io sento questi 50 che si avvicinano e mi mettono una grande tristezza addosso.

      sulla madre e i figli, nessuna situazione particolare. è solo una sensazione, li vedo allontanarsi, come è giusto che sia, nel loro percorso di crescita e autonomia, ma sento che non sono riuscita a trasmettere loro molte cose. in primo luogo l'amore per le cose che amo. e non è la semplice distanza generazionale, ma proprio una mia inefficacia.

      Elimina
  9. Bentornata! La torta deve essere buonissima e sono sicura che ti ha già consolato ma ti dico ugualmente una cosa ... per come la vedo io, noi figli non smettiamo mai di imparare dai genitori: è che preferiamo fare finta di aver fatto tutto da soli. ;-)
    Buon pomeriggio!
    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è confortante, ma non credo sia per tutti così. credo dipenda da quanto i genitori abbiano saputo "far volare" i figli.

      Elimina
  10. Ho le stesse ansie sia come genitore che come insegnante e proprio stasera pensavo che non sono mai abbastanza determinante né nell'uno né nell'altro ruolo... Dici che a malinconia sto messa bene?
    P.s. Hai spiegato benissimo la differenza fra prodotti senza glutine a rischio e non... tu sì che sei una vera insegnante e di quelle che lasciano il segno!

    RispondiElimina
  11. il mio bentornato non te lo leva nessuno! come insegnante, so per certo ma non ti dirò mai la fonte, che sei molto ma molto brava!io ti avrei detta più per le materie letterarie, mica sapevo che eri 'na testa razionale!! come mamma non ho dubbi che sei in gamba, del resto sti figli così ben nutriti non possono dare delusioni grosse! la malinconia noto che è legata all'età...ne sto soffrendo tanto anche io.... tu torni e ci lasci senza fiato per questi capolavori che fai!!!! sei una grande!

    RispondiElimina
  12. Felicissima di ritrovarti :)
    Alla grande vedo...mai fatto il soufflè glacè mi sembra difficile e complicato :(
    Ci devo provare?
    Bacione!

    RispondiElimina
  13. Ciaooo favoloso ma troppo dolce per la mia glice. Sono con tutte le starbooks aggiunta e lasagnapazza è anche mia concittadina mi mancavi mi eri sfuggita scusa, ho rimediato subito. Buona giornata

    RispondiElimina

linkwithin

Related Posts with Thumbnails