domenica 24 gennaio 2010

Quattro topinambur in padella... e verifiche!

Non è che la situazione sia cambiata molto dal post precedente.
Le malefiche verifiche incombono sempre, anzi ci sono proprio in mezzo. La buona notizia è che alcune le ho già fatte (e corrette!) ma quelle da fare mi guardano in cagnesco.
L'altra buona notizia è che i ragazzi in questo periodo sono degli agnellini. Studiosi, educati, attenti. Gli scrutini sono una gran palla, ma hanno il pregio di dare una sferzata di impegno a tutti (me compresa, eh!).

Tutto ciò però riduce drasticamente il tempo a disposizione per cucinare. Le penne al pomodoro si sprecano, così come le scaloppine veloci, i purè in busta (orrore! almeno ho il coraggio di ammetterlo...) e gli spaghetti al pesto... pronto... Verrò radiata dalla food-blogosfera per questo? Io mi appello alla clemenza della corte, poi fate voi.
Come attenuante posso però sottoscrivere che, a parte il purè in busta, il pesto, la polenta e il cous-cous precotto, non faccio uso di cibi pronti. Se fosse per me non esisterebbero i 4 salti in padella, le zuppe e i risotti pronti, le gastronomie...
Sì sì, sento che la corte sarà clemente.

Ma veniamo a noi, che l'ennesima verifica mi guarda in cagnesco dalla scrivania.

In questo caos, l'altro giorno sono comunque riuscita ad andare a fare la spesa. E dal banco delle verdure occhieggiavano degli ortaggi dal nome esotico (ma rigorosamente prodotti in Italia, ho controllato l'etichetta) che da tanto tempo avevano suscitato la mia curiosità. To-pi-nam-bur... Tutte le volte che leggevo una ricetta con i topinambur su La Cucina Italiana, a cui sono abbonata, mi dicevo "Sarebbe l'ora di provarli.." Ma poi l'abitudine aveva il sopravvento, e i topinambur tornavano nel dimenticatoio.

Poi l'altro giorno li ho comprati. E devo dire che sono stati una piacevolissima sorpresa. Hanno un delizioso saporino di cuori di carciofo, ma più dolce.
La prossima volta li vorrei abbinare, con la stessa ricetta, alle patate. E poi vorrei provare a farci un risotto, e magari degli sformati.
Insomma, assolutamente da inserire fra le proprie abitudini.
Ovviamente (oddio... spero!) senza glutine!
Ho fatto un ricerchina (santa wikipedia) e ho scoperto delle cose interessanti sul topinambur. Che vi invito a leggere.
Degno di nota: si tratta di un cibo particolarmente adatto ai diabetici, per la presenza di inulina.
A questo proposito, stimolata dalla raccolta che fece luby In cucina con il diabete, ho aggiunto ad alcune ricette adatte ai diabetici, come questa ad esempio, il tag cucina per diabetici. Non sono un medico quindi i miei vanno presi come suggerimenti e verificati con il proprio medico/dietista, conosco il problema perché ho uno zio carissimo diabetico, e so cosa può mangiare e cosa no. Oltre alle quantità, che devono essere sempre misurate, esistono degli alimenti da preferire ed altri da evitare, che sono segnalati in questa lista.
Per la ricetta ho preso spunto da La Cucina Italiana, perché quando non si sa da dove cominciare meglio muoversi su un terreno solido e sicuro.

Sauté di topinambur alle erbe aromatiche
Ingredienti
  • 1 kg di topinambur
  • trito di erbe aromatiche (salvia, rosmarino, timo, origano)
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • aglio

Preparazione

Sbucciare i topinambur (io ho usato il pelapatate), tagliarli a spicchietti non troppo piccoli, e gettarli via via in una bacinella di acqua acidulata con succo di limone, per non farli annerire. Nel frattempo far prendere il bollore a una pentola d'acqua, e sbollentarvi i topinambur per cinque minuti.
Scolarli, e trasferirli in una padella con un filo d'olio e uno spicchio d'aglio. Cospargere con il mix di erbe aromatiche, salare e far cuocere finché non sono ben rosolati.

14 commenti:

  1. Ciao Gaia!
    I topinambur li uso sempre per il risotto, non ne andiamo pazzi, ma nel risotto sono buoni buoni!
    Grazie per i tuoi commenti! Mi sono commossa anche io nel leggerli! Ci stiamo commuovendo a vicenda! Intanto ho panificato di nuovo e per la prossima settimana tengo d'occhio il tuo pan di zucca ;-)
    Verifiche di che materia, se posso chiedere? Io ho da finire l'elaborazione di alcuni dati e devo scrivere una benedetta relazione per questa settimana...potrei proporti un cambio ma non credo sia vantaggioso :-D
    Vado a preparare un ciambellone e del tè, buona domenica e ancora grazie!

    RispondiElimina
  2. @fabipasticcio proverò anche il risotto, in effetti mi sembravano proprio adatti

    il pane di zucca viene un po' pancone, ho trovato una ricetta che secondo me è meglio, però la devo ancora provare.

    le verifiche sono di fisica: insegno fisica alle superiori (tecnici e professionali).
    per la relazione: no grazie, te la lascio volentieri :-)))))

    sono contenta di tutti questi con-movimenti

    RispondiElimina
  3. pensa che io li ho trovati solo una volta e mi ci sono buttata a pesce....e ora non ricordo neanche più dove! :)

    Hai fatto bene a cominciare in semplicità :)

    RispondiElimina
  4. Ecco un modo diverso per gustarli, per me (Piemunteis) il topinambur si associa alla "bagna cauda" e non ho mai provato a cucinarli diversamente. Buon inizio settimana e grazie per avermi fatto visita anche dall'altra parte ;-)

    RispondiElimina
  5. Ecco, anche per me erano dal nome esotico e mai assaggiati..
    ora ci provero', soprattutto se assomigliano al cuore di carciofo.. io mi immaginavo invece il sapore della patata..
    :-)

    PS. la corte sara' clemente.

    RispondiElimina
  6. @ciboulette sono una fautrice della semplicità... anche perché le cose troppo complicate mica mi riescono :-)

    @raffaella la bagna cauda vera mi piacerebbe proprio mangiarla un giorno! mica lo sapevo ci andasse anche il topinambur... buon inizio settimana anche a te!

    @gaia sì, il sapore è quello, la consistenza una via di mezzo con le patate.
    grazie per la clemenza. le saremo eternamente riconoscenti :-)

    RispondiElimina
  7. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  8. gaia, ti ho mandato una mail..l'hai vista?

    RispondiElimina
  9. mmmmm... mi attrae molto questa tua ricetta... devo provare assolutamente il topinambur che, haimè, non ho mai assaggiato!

    RispondiElimina
  10. verifica verifica, ma non ti scordare di noi... vogliamo fare le studentesse!!! ;)

    RispondiElimina
  11. Mai assaggiati i topinambur... ma vorrei tanto, ma qui non li ho mai trovati!
    La corte sarà clementisssima (per quanto mi riguarda) perché anche qui in tempi di superlavoro abbondano i purè già pronti, le pizze da asporto, e la pasta al pomodoro...
    Baci e buone verifiche!

    RispondiElimina
  12. @vale il topinambur secondo me è da provare

    @iana sono tornata :-)

    @fantasie grazie per la clemenza...

    RispondiElimina
  13. que bella ricetta..io ho descoberto da poco il topinambur e soltanto so fare una zuppa :-)
    provero questa ricetta!!

    RispondiElimina

linkwithin

Related Posts with Thumbnails