lunedì 31 ottobre 2011

Dolcetto o scherzetto? Dolcetto, ovviamente senza glutine...

cake pops
Ieri festa di Halloween fortissimamente voluta dalla pargola. Ultimo anno di elementari, mai fatta una festa di compleanno con i compagni di classe perché è nata d'estate "Mamma quest'anno me la fai una festa per Halloween? Ti preeeeego"
Malgrado Halloween ci sembri soprattutto un gran cancan consumistico, potevamo non soddisfare questo desiderio?
No, e infatti così è stato, e tutto è andato bene, i bambini si sono divertiti, le mamme ne sono uscite (quasi) vive. Le mamme perché la festa l'hanno organizzata mia figlia e la sua amichetta del cuore. O meglio, le di loro mamme ;-)
Come era prevedibile, malgrado i miei moralismi di fondo, mi sono fatta prendere la mano, e alla fine ho disperato di finire il tutto.
Anzi, non ho finito il tutto, perché volevo fare un ventaglio sabato che poi non c'è stato...

Come al solito abbiamo fatto tutto in casa, un po' io e un po' la mamma dell'amichetta che, gentilissima, si è prestata a cucinare senza glutine per quest'occasione.
Ed era tutto, o quasi, era a tema...
Dato che sono un genio non c'è foto del buffet, ma posso garantirvi che alla fine ne è venuta fuori una cosa esageratamente kitsch, e molto, molto divertente.

Le foto lasciano un po' a desiderare, e c'erano molte altre cose, ma eccone alcune...

Le dita di strega al té matcha, già sperimentate l'anno passato

halloween

Le ossa dei morti, da una ricetta di Giallozafferano che pare sia a sua volta un'idea di Martha Stewart (Stefania dixit)

halloween
Sempre con le meringhe, avevo fatto questi fantasmini, copiandoli da un'utente Facebook che si chiama I dolci pasticci di Patty

halloween
Non mancava la classica pumpkin pie, ma in forma di mini-pie. La ricetta del ripieno l'ho presa dal libro Buon appetito, America! di Laurel Evans, ma al posto della brisé ho usato un guscio di frolla al mais di tostato. La frolla di mais, che ho copiato da Lydia di Tzatziki a colazione, che a sua volta l'ha ripresa da Fiordivanilla, è buonissima, da mangiarsi anche cruda, la farcia mi ha lasciata abbastanza perplessa, anche se oggi, come sempre con le frolle, il tutto era molto più buono e arrotondato. La diagnosi del parziale insuccesso? Pare ci avessi dato troppo dentro con le spezie...

halloween

Potevano mancare i cupcakes alla zucca con decorazioni in pasta di zucchero a tema halloweenesco? No, e infatti...

halloween

Anche se devo ammettere, e lo dico a voce bassa, di non essere affatto un'amante di muffins e dintorni, di cui i cupcakes sono figli (o se non lo sono ditemelo subito che non me n'ero accorta)... che siano di Halloween o no! E la pasta di zucchero non aumenta certo il mio amore...

Non potevano mancare neanche classici biscotti alla frolla normale e al cacao, e panini, schiacciate, focacce, fino ai soliti panini maialini, che magari con Halloween c'entrano poco e niente ma piacciono sempre tantissimo.

La cosa più faticosa? Realizzare di 107 cakes-pops.... Prepararli sarà pure divertente, ma quando si deve fare molto altro, diventa dura... però mi hanno dato una gran soddisfazione, e sono piaciuti veramente tanto.

Avendone fatti tanti, li ho "riempiti" con due torte diverse (mi domandavo giusto come complicarmi ulteriormente la vita...)
Ho usato una normale torta allo yogurth (dose doppia rispetto alla ricetta) per quelli bianchi semplici (i teschi), e una Red Velvet Cake per gli altri. La ricetta della Red Velvet l'ho presa da Stefania, ma riducendo le dosi di zucchero...

Grazie Stefania per avermi fatto scoprire questa meraviglia, e grazie Menu Turistico per il vostro preziosissimo passo-passo, senza il quale forse sarei ancora immersa in una piscina di palline di torta ;-)

cake pops

Cake pops senza glutine
Ingredienti
Per la Red Velvet Cake
(ricetta di Stefania di Cardamomo&Co., metà dose)

  • 300 200 g di zucchero
  • 150g di farina di riso (¶)
  • 60g di amido di mais (¶)
  • 50g di fecola di patate (¶)
  • 10 gr cacao amaro (¶)
  • i semini di una stecca di vaniglia
    2 uova
  • 110 di burro
  • 240 ml di buttermilk
  • 3 cucchiaini di colorante rosso in polvere (¶)
  • 1 cucchiaino di aceto bianco
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
Per il confezionamento(versione di Menu Turistico e Cardamomo e Co.)
  • La Red Velvet di cui sopra
  • Una torta allo yogurth (dose doppia)
  • 500 g di mascarpone
  • cioccolato bianco 800 g
  • cocco rapé (¶)
  • decorazione per dolci (codette, momperiglia, zuccherini, zucchero colorato...) (¶)
  • colorante alimentare in polvere
  • penne colorate alimentari
  • bastoncini per ghiacciolo o spiedini di legno
Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere consumati tranquillamente devono avere il simbolo della spiga barrata, oppure essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia, o nell'elenco dei prodotti dietoterapici erogabili.

Preparazione
    Per la Red Velvet Cake (direttamente dalle parole di Stefania)
    Red Velvel Cake
    Pre-riscaldare il forno a 175°C.
    In un recipiente mescolate la farina, il sale, il cacao. In un altro recipiente, sbattete il burro per 2-3 minuti, finché sarà soffice. Aggiungete lo zucchero e sbattere per altri 3 minuti.

    Aggiungete le uova, una alla volta, sbattendo 30 secondi dopo ogni aggiunta.
    Aggiungete il colorante al buttermilk in una ciotolina e quindi aggiungere, alternando le polveri al buttermilk. Possibilmente iniziate e finite con la farina.
    In una tazzina mescolate il bicarbonato all’aceto bianco, facendo attenzione a versarlo subito nell'impasto e incorporatelo bene con una spatola.
    Ho foderato due teglie rettangolari da 30x22. Fate cuocere per 25-30 minuti, o finché non vedete che è cotto (con il trucchetto dello stuzzicadenti!)
    Lasciate raffreddare la torta dentro la teglia per 10 minuti. Poi toglietela dalla teglia e lasciatela raffreddare, meglio se una giornata.

    Lo stesso giorno avevo preparato anche la Torta allo yogurth.

    Il giorno seguente ho ridotto in briciole fini, ma a mano, le due torte in due capienti ciotole.
    Vi ho amalgamato 250 g di mascarpone ciascuna, ed ho lavorato l'impasto con le mani, fino ad ottenere un impasto lavorabile e senza briciole. A questo punto ho formato le palline, grandi all'incirca una noce, rotolandole ben bene con le mani.
    Finite di fare le palline, ho fuso nel micro-onde 100 g di cioccolato, e vi ho intinto la punta dei bastoncini da ghiacciolo, quindi ho infilzato ciascuna pallina in un bastoncino, e le ho messe in freezer per un'ora.

    Quindi ho sciolto il cioccolato bianco, e quando era ben sciolto (si potrebbe anche temperare ma me ne sono guardata bene... spero che mi perdonerai Nanni!), ho tolto le palline dal freezer e le ho tuffate nel cioccolato fuso ad una ad una. È importante, quando fate questa operazione, che rivestiate tutta la pallina con il cioccolato, andando a ricongiungervi con il cioccolato che fuoriesce dalla base della pallina, quella bucata dal bastoncino. Così facendo il cake-pop sarà stabile, altrimenti uscirà dal sostegno, come è successo a me per i primi esperimenti.

    Il freddo delle palline farà rapprendere il cioccolato molto velocemente, malgrado non sia temperato.

    Quando sarà quasi totalmente rappreso, ho cosparso ogni cake-pop con la decorazione, e li ho messi in frigo su un sostegno (io, un mattoncino di oasis per fiori) per qualche minuto. Non tanto, perché via via che li facevo dovevo togliere i cake-pops pronti dal sostegno per metterci quelli nuovi, e vi assicuro che, una volta infilati nella loro bella scatolina, non si sciupano.

    Se non volete cospargerli con schifezzuole zuccherose varie, potete mettere subito la pallina in frigo, e magari dopo, quando ormai è asciutta, decorarla con delle penne alimentari o del cioccolato fuso di colore a contrasto.

    Una soluzione che trovo particolarmente elegante, è quella di usare, al posto di codette, momperiglia & Co., il cocco rapé. L'effetto è quello di candide palle di neve.

    Per servirli, metterli in modo aggraziato su un pezzo di oasis, magari ricoperto di una carta a tema (io, carta crespa nera).

    21 commenti:

    1. Anche una che come me non ama questa festa rimane conquistata da tutte queste divertentissime realizzazioni :-)

      RispondiElimina
    2. Un inglese direbbe "I'm speechless".
      Capperi, Gaia, che lavorone.
      Io penso alla pargola, a quanto sarà stata contenta di questa festa, a quanto sarà stata anche orgogliosa di poter dire "l'ha fatto la mia mamma".
      Le dita della strega sono tra le cose più repellenti che abbia mai visto in vita mia, dunque immagino siano venute alla perfezione :-)
      Saluti!

      RispondiElimina
    3. Stratosferica! Io mi prendo troppo i ditozzi!! Bravissima/e! Un saluto.

      RispondiElimina
    4. Quanto lavoro, ti aiuterei a mandarlo via :P
      Anche a me attraggono molto le dita delle streghe :D ahah
      Complimenti Gaia! :)

      RispondiElimina
    5. Ma ma ma quante coseeee!!!Ma sei stata una bomba sono veramente tutte delle chicche, tutto mono, i cake pops sono veramente belli e le crostatine di zucca, ne vogliamo parlare?! Beati gli invitati!!!Bacioni!

      RispondiElimina
    6. Che meraviglia!!! Hai preparato tantissime cose!!! Brava Gaia! Io non credo ce la farei a fare tutte quelle cosine...
      Un bacione :)

      RispondiElimina
    7. certo, senza foto del buffet...:P! ma dai è tutto meraviglioso, anche la cronaca foto per foto di tutte le prelibatezze!!!una festa così tua figlia non la dimenticherà più!

      Le nostre mamme hanno sempre fatto sacrifici per organizzare delle belle feste, per le diverse occasioni..e ti assicuro che ce le ricordiamo ancora ora a 24 anni!!
      Ci sono alcune mamme, che pur potendo, preferiscono tenere impacchettate la casa...non sanno cosa di perdono!!!
      Halloween da 10 e lode!!!;)

      RispondiElimina
    8. Tranquilla sul consumismo, Halloween è talmente europeo da essere irlandese, e se qualcuno ti dice il contrario tu digli che parla a vanvera, stai sicura!
      Noi avevamo un menu più da adulti e ci abbiamo investito meno tempo a testa, c'è da dire però che visto che quando siamo pochi siamo comunque 20 il risultato finale è stata una spanciata uguale uguale...!

      RispondiElimina
    9. ma quante cose bellissime!!! Ti hanno come minimo osannata per queste delizie! oltre a essere bravissima sei molto fantasiosa :-)) le dita mi fanno troppa impressione :(( tutto splendido, buona festa e baci :X
      Ps. anche la mia torta di halloween l'indomani era molto più buona :)

      RispondiElimina
    10. ciao, ti vorrei invitare al mio primo contest “DENTRO AL RICCIO”, ricette a base di CASTAGNE! Se ti và, passa a trovarmi. http://dentrolapentola.blogspot.com/2011/10/dentro-il-riccioil-primo-contest-di.html

      RispondiElimina
    11. Sei stata super fantastica e chissà perché anche io sono stata contegiata...L'idea di complicarsi la vita è tipica di quelle come noi, che ce la complichiamo il doppio perché siamo pure celiache :DDD
      Però che bella idea hai avuto per la tua pargola, avrei voluto essere lì col mio pargolo n. 3 ...
      P.s. allora metto meno zucchero anche io!!!

      RispondiElimina
    12. ti sei data veramente tanto da fare e che risultati!!

      RispondiElimina
    13. Ma è una super fi... meraviglia assoluta! Mi sa che me ne tengo qualcuna buona per l'anno prossimo... ma magari anche per qualche merenda invernale da brivido! Mi piace troppo!
      Buona giornata
      Dani

      RispondiElimina
    14. @araba felice in realtà non amo troppo nemmeno io tutto questo cancan, ma ai bambini piace moltissimo, e semel in anno...

      @duck in effetti sembrava un pavone, la pargola, e li portava tutti ad assaggiare i cake pops :-)

      @tinny le dita sono piaciute molto. anche se c'è chi ha detto che non avrebbe osato assaggiarle: il té matcha ha fatto veramente la differenza!

      @federica ormai è tutto finito :-P

      @ka' in effetti l'anno prossimo se mi ricapita un'occasione simile farò tante crostate, e tutte grosse ;-)

      @felix macché felix, è solo questione di organizzazione... questo lo direbbe una efficiente. invece io dico che alla fine non sapevo più come fare, ed è stata una gran stracanata. ma ne sono contenta!

      @spunti e spuntini senza glutine comunque anch'io ho tenuta inpacchettata la casa... la festa l'abbiamo fatta fuori. figurati se facevo venire trenta belve a casa mia, il rischio era che cascasse il pavimento!

      @povna e anche tu stamani eri groggy, mi pare... ;-)

      @sonia uno di questa cosa del giorno dopo se ne deve ricordare: d'ora in poi io le cose con la frolla le voglio fare sempre almeno con un giorno di anticipo...

      @matteo vengo subito a vedere

      @stefania la considerazione è sempre la stessa: perché stiamo così lontane.... :-(
      e comunque se non era per te qui di cake-pops non se ne parlava nemmeno!

      @vale si mi sono data da fare, ma la faccia di mia figlia mi ha ripagato di ogni fatica...

      @daniela ma grazie cara! comunque sono tutte copiate qua e là, anche da voi come hai visto!

      RispondiElimina
    15. Complimenti per tutte le ricette! Niente festeggiamenti per halloween, perchè avevamo già un compleanno, ma il prossimo anno chissà!
      Non avevo dubbi che si sarebbero divertiti tutti.
      Buona serata e un abbraccio ai piccoli

      RispondiElimina
    16. che post kolossal Gaia! come le preparazioni...tutte quelle forme, quelle glasse, quelle decorazioni...proprio cuore di mamma, eh? ma le dita...le dita!? son quelle che mi fan sempre più impressione...mentre i fantasmeringa...quelli mi piacciono un sacco! complimenti!!

      RispondiElimina
    17. Gaia...non ho parole né occhi...ma perché non siamo più vicine????

      RispondiElimina
    18. Non ho parole! Avevo salvato un commento giorni fa ma non c'è e ora chi si ricorda cosa avevo scritto! Mannaggia! Quindi vado a spanne!

      L'ho sempre detto Tu sei una super mamma-pasticciera senza alcun dubbio, io non sarei capace (soprattutto perché mi manca l'ingrediente principale, ossia la pazienza) di fare nemmeno un quarto di quello che realizzi tu, la tua piccola celiaca è davvero fortunata, la mia piccola allergica dovrà accontentarsi. Un abbraccio e buon fine settimana

      RispondiElimina
    19. Gaia ma hai lavorato di notte per una settimana????? mamma mia ma quante meraviglie!!!! sai che le dita io non riesco proprio a mangiarle? mi fanno un sensoo pazzesco :-))) e i cake pops sono in produzione :-))) un bacione e buon fine settimana!

      RispondiElimina
    20. ora sì che capisco perche' tu fossi tanto distrutta quando ci siano sentite...
      ommammina..
      bravissima! Sono sicura che ogni tuo sforzo è stato pienamente ripagato dalla sig.rina!
      ;-)

      RispondiElimina
    21. io quest'anno niente halloween, mi son venuti lo stesso i capelli dritti, però!
      quante belle idee, devo ricordarmele il prosismo anno!

      RispondiElimina

    linkwithin

    Related Posts with Thumbnails