venerdì 11 novembre 2011

Ciambella senza glutine al cocco sobria

ciambella al cocco
È quasi inverno, ma il clima è autunnale, e i colori che ci circondano anche.

Abbiamo fatto delle gran girate in campagna, in questo periodo, che ci hanno fatto innamorare ancor di più della nostra regione, se possibile.

La natura ci prende il cuore. Poi succede quello che è accaduto nei giorni scorsi in Liguria, o ad Aulla e dintorni, o all'Elba, e si rivela davvero matrigna. Con lo zampino nostro, o più di uno zampino a dire il vero. Per il riscaldamento globale, per gli amministratori pavidi e non all'altezza, per l'incuria nella tutela del territorio.

Insomma, ci sentiamo a luci ed ombre, in questi giorni. E non solo per questo, a dire il vero.

Periodo pieno di ansie, angoscie, panico e tormenti.

Ho scelto questa ricetta perché volevo qualcosa di tranquillizzante. Era nelle mie intenzioni di tenere un profilo sobrio e un po' neo-classico anche nella foto.

La ricetta viene dalla solita Federica Giusti, in particolare dal suo libro In dolce compagnia.

Con questo post partecipo alla racCOCCOlta di Ka', de La Torta pendente, che è sempre così sensibile alle nostre problematiche di celiaci da fare sempre raccolte senza glutine. Grazie Ka'!!!

La Torta Pendente

Ciambella senza glutine al coccoIngredienti

  • 100 g di farina di riso (¶)
  • 100 g di farina di cocco (cocco rapé) (¶)
  • 100 g di fecola di patate (¶)
  • 200 di zucchero semolato
  • 3 uova
  • 1/2 bicchiere di olio di semi
  • 3/4 di bicchiere di latte
  • 1 bustina di lievito per dolci (¶)
  • la scorza grattugiata di un limone non trattato
  • un pizzico di sale
Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere consumati tranquillamente devono avere il simbolo della spiga barrata, oppure essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia, o nell'elenco dei prodotti dietoterapici erogabili.
Preparazione
Preriscaldare il forno a 180°.
Imburrare lo stampo (io uno stampo da ciambella da 24cm di diametro) e infarinarlo con la farina di riso.
In una ciotola mescolare la farina di riso, la fecola, il cocco rapé, il lievito e un pizzico di sale.
In un'altra terrina montare le uova con lo zucchero e la scorza grattata del limone.
Quando sono ben gonfie e sbianchite, unire l'olio e quindi le farine alternandole con il latte.

Deve venire un composto abbastanza morbido ma non eccessivamente fluido.
Versarlo nello stampo, e far cuocere per 40/45 minuti circa, facendo la prova dello stecchino.
Io l'ho tenuta qualche minuto di troppo in forno ed è venuta un po' troppo cotta, ma era squisita lo stesso, ottima per la colazione e la merenda dei bambini.

30 commenti:

  1. La torta e' bellissima, e con un che di tranquillizzante, come volevi tu :-)

    RispondiElimina
  2. Bella e invitante, quasi quasi ci provo questo fine settimana sempre se imparo per bene come si mescolano le farine senza glutine :(

    RispondiElimina
  3. che meraviglia questa torta, e la foto. questi dolci sono tranquillanti naturali senza controindicazioni! buon we!

    RispondiElimina
  4. Gaia è bellissima!!! Sarà stata buonissima!!!! E tu? Bravissima!!! Oggi giornata di superlativi :)))))

    RispondiElimina
  5. Ma è splendido mi piace proprio è un bel CiambeLLONE!me lo vedo già al mattino...Grazie mille sei sempre così gentile ad aderire alle mie raccolte!!!Un grande abbraccio!Baciii!

    RispondiElimina
  6. Bellissima ciambella, perfetta e lievitata. Un abbraccio, spero che questo periodo passi presto. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. tranquillizzante...proprio ciò che ci vuole davanti alla tivù quando scene come quelle di cui hai parlato si materializzano dietro allo schermo.Tranquillizzante è anche saperci smangiucchiare una fettina di questa bontà al sicuro da catastrofi del genere che alle soglie del 2012 ancora capitano in Italia, in città di grandi dimensioni, in posti "sicuri" fino ad un attimo fa.
    e tranquillizzante è infine sapere che sempre più persone si vogliono sensibilizzare al problema, che ci proviamo, fino in fondo.

    E questo ciambellone ha tutte le COCCOle del modno racchiuse in sè... :) un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. ...hè si il momento non è dei migliori, ma consoliamoci nel nostro piccolo con questa splendido ciambellone. La foto esprime calma, tranquillità, decisione. Tutto quello di cui oggi la nostra Italia ha bisogno.

    RispondiElimina
  9. La sobrietà mi sembra l'unica scelta possibile di questi tempi.
    Per quanto possa essere sobrio il cocco, che per me ha sempre un alone esotico e prezioso.
    Saluti affettuosi

    RispondiElimina
  10. sà proprio di quei momenti di armonia, colazione tutti assieme..o un the caldo in una giornata uggiosa!brava come sempre

    RispondiElimina
  11. Mia cara, mi chiedo sempre anche io perché non abitiamo più vicine... e non solo perché sono certa che usufruirei anche di meraviglie come questa (ma quanto è alta???? ma le hai messo i tacchi???), ma soprattutto perché vorrei poter passare più tempo con te a tranquillizzarci a vicenda...
    Ti adoro, non puoi capire quanto!

    RispondiElimina
  12. porcapalettachemeraviglia!! non mi dire che l'avete tagliata per mangiarla??? peccato è bellissima :D ma brava cara, la tua sciccheria è pari alla tua bravura :) bacioni :X

    RispondiElimina
  13. con quello che succede intorno e con un governo di pagliacci che ci guida in alto mare come si può stare tranquilli??
    una securizzante fetta di dolce è quel che ci vuole! :)
    buon we

    RispondiElimina
  14. Il profilo è soprattutto caravaggesco, direi (adatto ai tempi, anyway!).
    Ma soprattutto: "e domani allora porto un dolce, e faccio qui e faccio là"... Va beh. :-(

    ps. è tutta invidia lo sai?!

    RispondiElimina
  15. Una delizia come questa, semplice e genuina ci mette in pace con il mondo ...

    RispondiElimina
  16. Bella, sembra quasi una Chiffon...ma tu? Tutto ok? un abbraccio tranquillizzante :)

    RispondiElimina
  17. Favolosa, nella sua signorile sobrieta'. Una ciambella di "alto" profilo, insomma :)
    complimenti!
    trascorri un buon week-end.

    RispondiElimina
  18. ecco, e io che meditavo un "maiale2"...!!

    scherzo....!!
    bella, elegante, zì, mi piace!

    RispondiElimina
  19. non amo particolarmente il cocco ma l'aspetto di questa ciambella mi da l'effetto che mi da la copertina sul divano....
    un abbraccione :)
    Barbara

    RispondiElimina
  20. @arabafelice con le tue affermazioni mi rassicuri pure tu ;-)

    @veru dai che è facile. se l'hai fatta mi fai sapere, vero?

    @monica hai detto bene, tranquillanti naturali. è quello che ci vuole!

    @elena io mangionissima! ;-)

    @patatina in effetti era alta, me lo fate notare voi. e dire che di lievito ce n'era anche meno di una bustina, perché ho dato fondo a una bustina già iniziata. mah... alchimie della lievitazione!

    @Ka' partecipare alle tue raccolte è un piacere, cara. e poi sei tu che sei sensibilissima che ogni volta fai delle raccolte pensando a noi!

    @memole a parte il fatto che era un po' troppo cotta, sì, era buona...

    @tinny da un certo punto di vista è già passata, dall'altro aspettiamo con una certa trepidazione cosa ci riserva il futuro

    @UnaZebraAPois tranquillizzante è che oggi sia già domani (citazione)

    @il cucchiaio magico avrà bisogno anche di fare una terribile cura dimagranTE?

    @duck anche per me era così fino a poco fa (per il cocco) ma da quando ho scoperto che la pargola lo adora, lo usiamo molto, ed è diventato un ingrediente quasi domestico

    @spunti e spuntini senza glutine oggi sì colazione tutti insieme, ma non con torta, con pancakes...

    @fantasie ha i tacchi perché si ispira a te ;-)

    @sonia certo che l'abbiamo tagliata. ed è pure finita in fretta :-)

    @gio appunto, bisogna trovare dei tranquillanti naturali. e comunque ha portato bene, quindi la rifarò presto!

    @povna hai ragione! non ho fatto in tempo :-( ma non era questa, questa l'ho data alla silvina per fare merenda alla gita scout

    @milen@ in questi giorni mettersi in pace col mondo è un po' dura, ma ci proviamo...

    @anna lisa sai che la chiffon non l'ho mai fatta? devo?

    @la belle auberge anche la ciambella di alto profilo? ;-) qui di questi tempi ci toccherà a tutti metterci il tacco 12...

    @merendasinoira il maiale2 è sempre pronto, no?

    @.B. si si è quello che volevo. un vero comfort-food!!! grazie della visita!

    RispondiElimina
  21. che bella ricetta! una buona sana e non troppo condita torta per la merenda! mi piace! un bacione cara Gaia!!!!

    RispondiElimina
  22. @ely si, è proprio una ciambella di una volta, senza troppi fronzoli, ed ha un sapore che risponde a queste aspettative. sobria, ma buona.
    mi sa che ci dovremo abituare a queste... "ricette" ;-)

    RispondiElimina
  23. Ha l'aria d'essere un torta buonissima. A me il cocco pero' piace solo fresco quando e' cotto perde in sapore, cosa posso usare al posto della farina di cocco? Se uso farina di mandorle viene buona comunque?

    RispondiElimina
  24. buona la ciambellona cara gaia...sembra un copricapo...e ancor più bella la foto, natura morta con dolcezza:). poi mi piace (sebbene non sia celiaca) l'uso della farina di riso, quella di cocco e sempre e comunque le alternative alla tradizione!

    RispondiElimina
  25. Ciao Gaia,

    con cosa si potrebbe sostituire la fecola di patate? Farina di mais?

    Scusa la domanda ma sono alle prime armi con il gluten-free

    Grazie!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la fecola è un amido, e andrebbe sostituita con un amido: amido di mais (la maizena), oppure amido di riso o anche amido di tapioca.

      Elimina
  26. Fatta! Torta buona e bella...solo che la grandezza che si vede in foto diciamo che non corrisponde alla realtà.. ma davvero buona! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuta, ma non capisco cosa intendi sul fatto che la grandezza della torta non corrisponde alla realtà. Ricordo benissimo con che stampo l'ho fatta, anche perché come stampi da ciambella ho quello, ed era da 24 cm, il che torna anche con la dimensione dell'alzata.
      se invece ti riferisci al fatto che è parecchio lievitata, all'epoca stupì anche me, ma credo che derivi dal fatto che 1 bustina di lievito su 300 g complessivi di farina non è affatto poco.
      a te come è venuta?

      Elimina

linkwithin

Related Posts with Thumbnails