lunedì 12 aprile 2010

Spaghetti con gli agretti per la Veronica

spaghetti agretti e acciughe
Quando ho visto la ricetta da Felix ho subito pensato "Questa la devo fare assolutamente!".

La feci. E poi la rifeci. E la devo pubblicare in fretta, perché la Veronica, alla quale l'ho propinata, vuole la ricetta, dice che è più comodo se è sul blog, invece che a voce. Se lo dice lei...

Comunque l'avrei pubblicata lo stesso: adoro gli agretti (o barba di frate, o, come la chiamano ultimamente alla Coop, erba del Negus) e mi dispiaccio solo che si trovino per così poco tempo.
Che sia almeno una garanzia di genuinità e di filiera non troppo lunga?
Checché ne dica Bressanini, bravo e competente ma a mio avviso a volte eccessivo nel suo voler épater le bourgeois a tutti i costi parlando bene di OGM e globalizzazione, secondo me se si comprano prodotti di stagione e del territorio è meglio. Poi che c'entra, tutte ci diamo dentro con la fava tonka e il té matcha che non sono esattamente il prodotto tipico delle colline fiorentine. Però se possibile evito le fragole a Natale, per quanto sia perfettamente consapevole che, se voglio qualcosa di biologico e prodotto vicino, non resta che andarselo a cercare di persona, magari insieme ad altri in un G.A.S.

Insomma, bando alle ciance, che si fa tardi.

La ricetta è uguale uguale (a parte qualche minimale variazione sulle dosi) a quella di Felix. Eccola qua.

Spaghetti agli agretti e acciughe
Ingredienti
  • 400 g di spaghetti di mais (¶)
  • 400 g di agretti
  • 4 acciughe sotto sale
  • uno spicchio d'aglio
  • 4 cipolline cipolline fresche
  • olio EVO
  • sale
  • pepe
Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere consumati tranquillamente devono essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia.

Preparazione

Lavare bene gli agretti, stando attenti che non rimangano dei residui di terra (e questa è dolente nota). Nel frattempo si sarà messa una pentola d'acqua sul fuoco e, quando bolle, sbollentarci gli agretti per un paio di minuti. Non di più, mi raccomando, proprio un tuffo e via, quindi scolarle e tenerle da parte.

Disliscare e dissalare le acciughe, spiaccicarle un po', fare un battutino con l'aglio e le cipolline, e mettere acciughe e battutino a insaporire sul fuoco con un po' d'olio, finché le acciughe si sfanno del tutto. Aggiungere gli agretti grossolanamente tagliati. Aggiustare di sale e pepe e mettere in attesa.

Nel frattempo far cuocere gli spaghetti (al dente!), e quando sono pronti farli saltare un minutino nel sugo (se fosse troppo asciutta si avrà avuto cura di lasciar da parte un mestolo di acqua della pasta da aggiungere al tutto).

21 commenti:

  1. davvero semplice e questo piatto ma difficilissimo trovare dalle mie pari gli agretti... Mah sono dispersa in un paese che non tiro fuori nemmeno un ragno da un buco... bacio

    RispondiElimina
  2. Io e mia figlia siamo golosissime di agretti, anche se la loro "stagione" dura pochissimo da queste parti. Però non li abbiamo mai usati per la pasta, di solito li sbollento e andiamo di olio e limone, o li spadello con un po' di aglio....dobbiamo rimediare!:-)

    RispondiElimina
  3. Ciao!sono Laura dalla redazione di Blog di Cucina.
    Volevo invitarti a partecipare alla prima raccolta di ricette organizzata dal nostro sito "E adesso?!?..come riciclare le uova di Pasqua" a cui possono aderire tutti gli aggregati come te.
    Vieni a scoprire di che si tratta
    Clicca quì

    Ti aspettiamo!

    la Redazione di BdC

    RispondiElimina
  4. davvero stuzzicanti! cambio con la pasta al farro o al kamut visto l'intolleranza e faccio!!!!

    RispondiElimina
  5. non ci crederai, ma li ho comprati sabato per la prima volta. Ero indecisa che fossero loro, chè ora sull'etichetta c'è scritto NEGUS..
    Stamani, sul far del giorno gli ho fatto pure due belle foto, ma la loro fine sarà presto sul piatto!
    Questa è una bella idea...
    ;-)
    bacioni

    RispondiElimina
  6. buona la barba di frate!!!! perfetto l'abbinamento con le acciughe, che insaporiscono e "legano" il tutto!! complimenti e un abbraccio!
    Vale

    RispondiElimina
  7. Sono contenta che ti (vi) siano piaciuti!

    E' un onore per me :-)

    Un bacione e grazie!

    RispondiElimina
  8. Raramente trovo gli agretti o come li chiamava mia suocera romagnola i "Lischi" e poi anche se non ho problemi mi piacciono molto gli spaghetti di mais..come tutta la ricetta!!!
    I biscotti che hai visto....maliziosa!!! li ho prepatati prima di Natale...sono solo un ricordo ma li devo rifare!!
    Baci

    RispondiElimina
  9. Il discorso sulla stagionalità non fa una grinza. Il vero guaio è che anche durante la stagione giusta nei supermercati fatichi a trovare i prodotti locali e, così, si è da capo. Però, se ci si guarda attorno si scopre che i piccoli produttori locali non mancano e lì la differenza si sente.
    Così degli semplici spaghetti, abbinati a un prodotto di buona qualità, diventano un piatto ottimo. Quindi, complimenti!

    RispondiElimina
  10. Bello bello bello ! tra 2 giorni sono in Italia e questa pasta e' mia...e pure in stagione !

    RispondiElimina
  11. Magnifico, bellisimo !

    Besis
    sonia gluten free abuela de una niña celiaca de siete años

    RispondiElimina
  12. Geniale! Mai pensato che si postesse fare la pasta con la barba di frate. M'hai proprio fregata...sono senza parole!
    e quelle acciuchine, poi...
    Baci!!!

    RispondiElimina
  13. Buoni gli spaghetti con gli agretti!!! Li faccio anche io uguali, uguali!
    Non è da molto che conosco gli agretti, ma li adoro sia con gli spaghetti che mangiati da soli....e poi la pasta al mais è davvero buonissima!!! Io e Giulia mangiamo solo quella!!!

    Baci
    Anto:o)

    RispondiElimina
  14. Che aria di Primavera che sprizza stamattina dal tuo blog! Saranno i colori frizzanti della foto oppure la presenza degli agretti, in ogni caso questa preparazione mette allegria e stuzzica l'appetito. Well done! Anche a me piace Bressanini ma non concordo con quanto ha scritto su "contro la spesa a km zero". Per esempio dice che, per essere coerenti, bisognerebbe anche acquistare biciclette e altri prodotti a km zero. E' vero peccato che fabbriche di biciclette oppure anche semplici aziende vinicole (giusto x fare un esempio) non siano sempre presenti ovunque nel territorio Italiano quanto invece i campi coltivati. Si tratta di non estremizzare come al solito. Per ritornare in tema, chissà se in questa terra barbara si trovano gli agretti ...... oggi proverò a cercarli al mercato di Leiden. Buona giornata

    RispondiElimina
  15. E bravissima anche tu!!! :-D

    RispondiElimina
  16. Sembrano buonissimi!
    Una precisazione: i prodotti SICURI non sono solo quelli del prontuario ma:
    1) quelli sol marchio registrato dell'AIC spiga barrata
    2) quelli presenti nel prontuario
    3) quelli presenti nella lista redatta tutti gli anni dal Ministero della Salute, ossia quelli col bollino verde che sono munuabili

    Anch'io prima pensavo che fossero solo quelli del prontuario, poi sono venuta a conoscenza dei prodotti di Casciana Belcreda e, scoprendo che non facevano parte del prontuario, li avevo subito "scartati". Poi però vedendo che li potevo ordinare in farmacia mi è venuto il dubbio...e ho risolto il dilemma!!!!

    RispondiElimina
  17. @la cuoca pasticciona dove stai? grazie della visita!

    @madama bavareisa anch'io finora facevo così. tutto merito di felix, e di tutte le ricette che ho visto in rete in questo periodo sugli agretti: ho capito che permettavano molto di più di quello che io gli facevo fare!

    @gaia si si erba del negus! sono così buoni...

    @ely quale pasta usi sta a te deciderlo. felix usava le linguine, ad esempio. per il resto, tutto va bene, in pratica sono solo verdure

    @vale secondo me l'abbinamento con l'acciuga nelle pastasciutte con le verdure bollite è il top, che siano agretti, o magari broccoli o cime di rapa. ma anche con i peperoni stanno benissimo!

    @felix l'onore è mio :-)

    @mammazan si è vero! anche lischi ho visto alle volte scritto. per i biscotti: per fortuna che li hai fatti a natale, visto quello che è successo!

    @da sergio bisogna andare per GAS, bisogna!

    RispondiElimina
  18. @glu.fri sei contenta di tornare a casa?

    @sonia grazie!

    @alessandra: nemmeno io ci pensavo, il merito è aver visto le ricette a giro.

    @anto:o) oddio... che la pasta di mais sia meglio di quella al grano mi sembra ardita, come interpretazione :-)

    @raffaellaM si, bisogna sempre evitare le esagerazioni. che poi spesso sono solo delle provocazioni un po' egocentriche e narcisistiche.

    @sonia grazie!

    @elisa hai ragione! modificherò la scritta subito! grazie elisa!

    RispondiElimina
  19. No Gaia...non intendevo dire che la pasta al mais è meglio di quella di grano, sicuramente non c'è paragone, ma per noi è la migliore tra quelle senza glutine:o)

    Bacio
    Anto:o)

    RispondiElimina
  20. Gaia scusa se scrivo qui (cancella pure, poi) ma ti ho mandato una mail all'indirizzo trovato qui sul blog volevo solo sapere se è la mail giusta perché non mi funziona la notifica di ricezione e quindi non so nemmeno se ti è arrivata. Eventualmente te la rimando o se hai un altro indirizzo scrivimelo pure alla mail che ho sul blog! Grasssssie! ^_^

    RispondiElimina
  21. io avrei aggiunto un po' di uva passa!

    RispondiElimina

linkwithin

Related Posts with Thumbnails