venerdì 18 gennaio 2013

Timballo riso carciofi e chèvre, per festeggiare e riciclare



Oggi ero sola a pranzo. Avevo da pulire casa, da occuparmi di un sacco di noiosissima burocrazia. Non penserete mica che abbia cucinato?
Invece si. Nel frigo avevo un avanzo di risotto ai carciofi, che adoro, e invece che farci il solito risotto al salto, o le solite arancine (...) ho pensato che avrei potuto metterlo in forno. Perché nel frigo avevo pure del caprino, non fresco, un po' stagionato ma non troppo.

Insomma, una cosa velocissima. E mentre ci davo dentro con l'aspirapolvere, lui cuoceva in forno. Forse un attimino di troppo, ma in realtà era buonissimo così, con lo chevre tutto sciolto e lo strato superficiale di riso molto abbrustolito e super-croccante.

Poi mi è venuto in mente che Sciabby ha indetto un contest per il suo secondo blog-compleanno. Un contest sui timballi. La mia ricetta nata per riciclare gli avanzi poteva andare benissimo per il contest. Ma non era il tempo delle feste? Appunto: per le feste fai un risotto, ti avanza, mica vorrai buttarlo via il giorno dopo? Poi basta mettergli un nome chic, ed è tutto a posto.

Nella ricetta do anche le indicazioni per preparare il risotto, ma il vantaggio vero è quello di utilizzare del risotto avanzato. Eventualmente anche del riso lesso: in questo caso si prepareranno i carciofi a parte, e al momento di comporre il timballo li si mescoleranno al riso, che magari si sarà fatto mantecare con un po' di burro e parmigiano. Et voilà! Il timballo è servito!

Timballo di riso con carciofi e chèvre
Ingredienti
(per quattro persone)
  • 320 g di riso carnaroli semi-integrale
  • 5 carciofi 
  • olio extra-vergine di oliva
  • due cipolle
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • una carota 
  • due coste di sedano
  • alcuni gambi di prezzemolo
  • 200 g di formaggio di capra stagionato 
  • parmigiano reggiano grattugiato 
  • pangrattato senza glutine (¶)
  • burro 
  • sale
Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere consumati tranquillamente devono avere il simbolo della spiga barrata, oppure essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia, o nell'elenco dei prodotti dietoterapici erogabili, o avere la scritta SENZA GLUTINE sulla confezione.

Procedimento
Mondare una cipolla, le coste di sedano, la carota, i gambi di prezzemolo e preparare un brodo vegetale.
Quando è pronto filtrarlo e tenerlo al caldo.

Nel frattempo pulire i carciofi e tagliateli a spicchi piccoli ma non troppo.
Mondare l'altra cipolla, tritarla fine e preparare un soffritto con qualche cucchiaio d'olio e la cipolla nella pentola del risotto, soffritto che dovrà sobbollire pian piano, senza bruciare la cipolla, finché non si è ben bene appassita.
Aggiungere quindi gli spicchi di carciofi, e farli cuocere un po', diciamo metà cottura (devono rimanere al dente). Aggiustare di sale.

Aggiungere anche il riso e farlo rosolare finché non diventa tranlucido. A questo punto sfumare con il vino bianco (eventualmente dargli preliminarlmente una bollittina per far evaporare l'alcool) e quindi aggiungere il brodo vegetale, mestolo dopo mestolo, evitando che il riso lessi in troppo liquido ma senza mescolare in continuazione.

Spegnere quando il riso è piuttosto al dente.

Lasciarlo raffreddare, stenderne metà in una pirofila, mettervi sopra lo chevre a fettine, ricoprire con il riso restante, e completare con qualche pezzo di chevre, una bella spolverata di pangrattato e parmigiano, e qualche fiocchetto di burro.

Infornare a 180° per una mezzora, e comunque finché non è ben dorato.

Servire subito.

Con questa ricetta partecipo al contest Il tempo della festa di Celiaca per Amore


 

e anche al contest La cucina del riciclo di Dauly di Cucchiaio e Pentolone 

20 commenti:

  1. Dal non avere un attimo di tempo per cucinare a godersi un timballino così...cosa chiedere di più? Altro che riciclo coi fiocchi :) Un bacione, buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma la soddisfazione è doppia: riciclo e con i fiocchi. che si può volere di più?

      Elimina
  2. Non è possibile...sai che proprio ieri sera ho fatto il risotto ai carciofi e stavo giusto meditando come riproporlo stasera... Grazie mille per la stupenda idea!!!!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contenta di averti dato un'idea! comunque va bene qualunque formaggio dal sapore deciso e un po' filante

      Elimina
  3. Mi piace tantissimo lo chevre! Quasi quasi oggi lo ricompro (al diavolo la dieta ...). Chissà che bontà il timballo con quella crosticina dorata ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al diavolo la dieta mi piace molto come motto. ha qualcosa di familiare...

      Elimina
  4. Bellissimo!
    Il buono dei timballi è proprio che volendo possono essere velocissimi e super golosi!
    In bocca al lupo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, e dire che sembrano piatti così complessi

      Elimina
  5. ma che bello!!! gran bella idea :-X

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. si si era proprio piacevole all'assaggio

      Elimina
  7. Alla stessa maniera cucino io... non ho tempo e invece di scaldare il rimasuglio a micr e risparmiare tempo mi metto a fare un timballo... o peggio i pici! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è così che si fa, è la razionalità femminile ;-)

      Elimina
  8. buono questo timballo!
    in bocca al lupo!
    c'è un premio per te sul mio blog! baci fabiola
    http://senonpioveesceilsole.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. che bontà, grazie per avermelo mandato!!

    RispondiElimina

linkwithin

Related Posts with Thumbnails