sabato 23 novembre 2013

Un secondo povero per l'MTC: polpette alle castagne, ovviamente senza glutine

polpette di castagne bietoline in agrodolce

Approfittando di un pomeriggio children-free, ce ne usciamo a braccetto per cercare i regali di Natale...

Le finanze sono quelle che sono, ma ce la possiamo fare.
In fondo c'è la crisi, no? Anche i negozi del centro, dove non vado più da anni, si saranno adeguati alla situazione.

Prima tappa, un noto grande magazzino. Troveremo qualcosa per la suocera, una sciarpa per la cognata?

"Bellina questa sciarpina! Anche se non so, magari è un po' poco..."
"Poco?!?! 119€ ti paiono pochi?!?!?!?"
Passiamo oltre...
Le sciarpine sembrano essere gli oggetti più cari del creato, i 119€ di cui sopra non erano un'eccezione....

Vogliamo parlare dei golf? Sotto i 100€ non c'è praticamente nulla, se non cosucce che sinceramente non mi metterei nemmeno io, nota sciamannata poco attenta al vestire.

Un profumo? No, lasciamo perdere. Dopo la prima bottiglina minuscola a 120€... meglio lavarsi una volta di più! Ma con un sapone del supermercato, che anche i saponi, qui...

Al reparto-casa va un po' meglio, qualcosa di abbordabile c'è, ma la presenza di ben tre libri della Parodi mi disamora definitivamente del luogo, e trascino fuori mio marito. Ai regali ci penseremo un'altra volta...

Boh... Io lavoro, mio marito lavora, siamo due persone normali, ma, lo dico senza vergogna, non ce lo potremmo permettere di fare regali alla famiglia tutta spendendo fra i 100 e i 150 € ciascuno. Forse la famiglia è un po' numerosa, ma queste cifre mi sembrano spropositate. Di un consumismo spaventoso.
In un momento storico in cui il consumismo non è proprio più una virtù.
Mi vergognerei a spendere tutti questi soldi per dei regali di Natale, anche se ce l'avessi. 
...
...
...
...
La prossima volta che i figli vanno agli scout, molto meglio un po' di sano sesso (si potrà dire sesso su un blog di cucina?)

Tanto, quest'anno, in realtà come risolvere un bel po' di regali di Natale già lo so.
E non saranno i soliti biscotti... ;-)

Visto che siamo in tema di cucina low-cost, oggi polpette.Ma polpette di castagne! 
La ricetta viene da un libro, il solito, "La farina di castagne della Val Bisenzio", e ci ho messo le bietoline del G.A.S. che sono buonissime e possono rendere sfiziosa anche una polpetta.

Polpette alle castagne con bietolina in agrodolce
Ingredienti
    • 380 g di castagne
    • 300 g di carne di maiale macinata
    • 1 uovo
    • sale
    • pepe
    • pangrattato senza glutine (¶)
    • timo
    • 2 mazzi di bietolina
    • 1 cipolla rossa
    • 1 manciata di uvetta
    • 40 g di pinoli
    • 1 peperoncino fresco
    • olio extra-vergine di oliva
    • olio di arachidi per friggere
      Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere consumati tranquillamente devono avere presentare sulla confezione la scritta SENZA GLUTINE il simbolo della spiga barrata, oppure essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia, o nell'elenco dei prodotti dietoterapici erogabili.

      Preparazione
      Sbucciare le castagne e lessarle in abbondante acqua salata. Scolarle, togliere la pellicina e passarle al passapatate. Far raffreddare la purea.
      In una scodella mescolare con le mani la polpa di maiale macinata, la purea di castagne, l'uovo intero, un paio di pizziconi di sale, una grattata di pepe e le foglioline di tre rametti di timo.
      Formare delle polpettine abbastanza piccole, passarle nel pagrattato e friggerle in olio di arachidi bollente ma non troppo caldo (essendo fatte di carne cruda ci mettono un po' a cuocere e se l'olio fosse troppo caldo rischierebbero di bruciare). Tenere al caldo.

      Nel frattempo mondare le bietole, lavarle e farle lessare al dente senza aggiungere acqua.
      Tagliare a fette molto sottili una grossa cipolla rossa, e farla appassire in un paio di cucchiai di olio di oliva senza assolutamente bruciare in una padella anti-aderente, aggiungendo anche i pinoli, l'uvetta e il peperoncino.
      Quando la cipolla è appassita aggiungere le bietole grossolanamente tagliate e ben scolate.
      Aggiustare di sale, far insaporire e asciugare bene.
      Servire con le polpettine.

      Con questa ricetta partecipo alla sfida di novembre 2013dell' MTC.
      La ricetta originale della signorina Pici e castagne

      MTC di novembre 2013

      23 commenti:

      1. abbasso lo shopping natalizio, evviva il sano sesso!!! ;)
        cara gaia sei troppo forte!
        queste polpettine sono favolose, le avevo testate anch'io nel mio primissimo StarBooks... quanto tempo è già passato!
        le bietoline te le invidio assai, figurati se qui a Milano le troviamo così buone...!
        un abbraccio grande

        RispondiElimina
        Risposte
        1. ma di G.A.S. ce ne sono anche a milano, te lo assicuro! e le bietoline saranno buonissime, la pianura padana, se non fosse devastata dall'inquinamento, è un luogo meraviglioso per l'agricoltura. ci saranno sicuramente delle isole felici...
          un abbraccio grande anche a te!

          Elimina
      2. Vedi cosa ci si guadagna ad aver i figli grandi? A non aver più tempo da soli... a casa mia è un continuo via vai di ragazzi, quindi noi si va fuori... e per i regali di natale? Ti consiglio un libro bellissimo di una certa Stefania Oliveri, costa poco e il ricavato va in beneficenza, meglio di così! ;)

        RispondiElimina
        Risposte
        1. ah, si, mi pareva di averne sentito parlare! ;-)

          Elimina
      3. ci sono modi e modi di dire le cose e il tuo è un gran bel modo. Fa riflettere, fa ridere, fa sentire il calore di una famiglia.
        La crisi c'è da un bel po', diciamo che ogni tanto la mettiamo sotto il tappeto come fosse polvere, ma proprio come polvere torna di nuovo fuori...
        Spero di preparare qualche biscotto e qualche regalo speciale, fatto con le mie mani, ma da parecchio tempo io regalo libri, libri di ogni genere e a chiunque, perchè prima o poi tutto 'sto seminare dovrà dar pur frutto.
        Le polpette mi piacciono assai, anche le bietole del GAS ;-)
        Buona domenica

        RispondiElimina
        Risposte
        1. grazie fabiana, anche noi in realtà regaliamo tanti libri, ma ci sono persone, tipo mia suocera, che non leggono proprio, regalarle un libro sarebbe poco carino. anche se spesso poi lo facciamo lo stesso, perché lei è molto religiosa e quindi qualche libro a tema ci salva in corner.
          sono contenta che ti piacciono le polpette, sono davvero gustose con le castagne

          Elimina
      4. hahahaha! sei forte...certo che si può dire sesso, altrimenti pensano che noi si cucini e basta!!
        queste polpette sono un'ottima scelta e....a proposito di scout, sei una gran recipe-scout, sai?
        Ciao
        Cris

        RispondiElimina
        Risposte
        1. per fortuna che mi approvate, temevo che come food-blogger dovessimo farci tutte suore :-)

          Elimina
      5. Mi sono rotolata sulla scrivania! Ma quando ti capita più di avere la casa libera? Ecchesei matta? Andare a fare shopping solo quando i figli sono in casa, c'hanno da fare compiti e se ne stanno tranquilli per conto loro. E comunque concordo con te per i regali di Natale. Io con 100 euro ci faccio un regalo cumulativo per la famiglia. Ma sempre di più il mio sta diventando da qualche anno, un Natale senza regali. La mia famiglia lo sa...riceve da me cose fatte in casa e tanti baci, ma spendere tutti questi soldi in questo periodo è assolutamente immorale.
        Meglio assolutamente del buon vecchio, sano, trascurato sesso.
        Baci grandissimi!

        RispondiElimina
        Risposte
        1. si, in effetti hai ragione, siamo stati folli. diciamo che è stato un po' un concorso di cause: ero andata in centro a portare mia figlia alla stazione, mio marito mi ha raggiunto... ma la prossima volta non avrò dubbi.
          cmq a noi ogni tanto capita: pur essendo due, i figli, gli scout aiutano molto in questo. figurati che d'estate potremmo avere una settimana intera da fidanzati, quanod la prole va al campo estivo. dico potrebbe perché poi ne capita sempre una... ma non dispero!

          Elimina
      6. Dimenticavo...la ricetta è gagliarda...alle polpette avevo pensato anche io ma non sapevo come realizzarle! Baci

        RispondiElimina
        Risposte
        1. il libro sulla farina di castagne della val bisenzio lo dovevi comprare, ecco qual è il punto. e comunque non mi sembra che tu ti sia fatta mancare niente, per questo MTC :-)

          Elimina
      7. mi capita spesso in questo mtc di leggere le ricette e pensare: ma... quando ci siamo incontrate? ma... come fa a sapere che mi piace proprio tanto questo ingredeinte\questo abbinamento\questo cibo?
        ecco, tu sei la riprova che è così.
        sono una fanatica delle polpette, al forno, fritte, in padella. non importa.
        quando mi metto a tavola divento una bimba di 2 anni, l' idea di sbocconcellare polpette mi piace, mi sembra quasi divertente :)
        e poi... queste polpette di castagne e carne??
        preparati a risentirmi ancora perchè io nel we le faccio.
        bacioooo

        RispondiElimina
        Risposte
        1. sono contenta che ti piacciano le polpette. se le fai fammi sapere che ne pensi.
          è un piatto povero davvero, ma davvero davvero saporito.

          Elimina
      8. O.T. Le bestiacce (noi?) ringraziono ;-)

        RispondiElimina
      9. Buonissime le polpette sono veramente invitanti con quelle bietoline bravissima
        mi astengo invece dallo shopping è vero molte cose possono essere care però si possono anche fare dei pensieri simpatici con molto meno magari abbinati da un qualche cosa fatto da noi che rallegrerà ed addolcirà i nostri cari

        un abbraccio
        Manu

        RispondiElimina
      10. Sei fortissima Gaia! comunque hai centrato il punto: niente shopping natalizio, quello si fa on-line ;-) anzi, l'abbiamo già fatto!! molto meglio starsene in casa, come consigli tu.. eheheheh :-D quando ti ricapita di avere la casa libera? complimenti veramente per queste polpettine, devono essere buonissime, contorno compreso! me le segno, che sono sempre in cerca di alternative "al solito secondo" :-D bacioniiii!

        RispondiElimina
      11. sei una grande! hai dato voce a cose pensate da tutti credo, sesso incluso ;-)
        Noi spendiamo di più solo per i bambini e l'unico figlio in casa, per il resto quando si può pensierini. mai viste le polpette di castagne, le trovo geniali! sarà arrivata finalmente l'ora di far vincere te? e direi che stiamo perdendo troppo tempo a farlo! bravissima!

        RispondiElimina
      12. Gaia, questa ricetta è molto interessante; a pensarci bene, le castagne sono farinose quanto le patate, forse un tantino più dolci, e unite alla carne di maiale daranno vita a delle polpette morbide e gustose. Brava!

        RispondiElimina
      13. Si, meglio darsi ad altro..
        ma gli scout erano alle cascine, domenica? Ne abbiamo visto un gruppetto, vestito di verde e ho pensato ai tuoi pargoli!
        ;-)

        RispondiElimina
        Risposte
        1. no, i miei erano proprio fuori per il week-end, non insieme ma entrambi in mugello.

          però sì, quelli "verdi" sono quelli dei miei figli, il CNGEI, gli scout laici. sarà stato un altro gruppo.

          Elimina
      14. Favolose le polpette!!!
        E, sì, si può dire "sesso" in un blog di cucina, anche perché come dici tu, è assolutamente sano!!! Noi è da anni che non ci facciamo più regali di Natale, troppi soldi buttati via in scemenze che non servono a chi le riceve. Solo i bambini ricevono ancora i regali, tra noi adulti invece si fa una colletta - c'è una busta discretamente appoggiata sul mobile del televisore a casa dei miei - e si devolvono le nostre offerte a qualche caso di beneficienza: un'adozione a distanza o qualcosa di simile.

        RispondiElimina
      15. i figli agli scout vanno goduti, nel senso più letterale del termine ;-) e questa regola vale fino a quando non darai loro le chiavi di casa. A quel punto, sarà un andirivieni della malora e il de profundis per la tua privacy tutta, altro che le intimità coniugali (sono perennemente posseduta dalla cattolica che è in me). E prega che non somiglino a mia figlia, che ha preso la nostra casa come un albergo- per i suoi amici, ovviamente. Ormai, la domanda ricorrente non è "che cosa si mangia, stasera?", ma "chi dormirà qui, questa notte?" e l'unica variazione possibile riguarda il numero degli inquilini...
        quindi, se mi vedi nervosa, da qualche anno a questa parte, sai perchè :-) :-)
        Passando alla ricetta, mi hai fatto venir voglia di rispolverare quel libro. e magari di riproporlo, per qualche redone: hai fatto benissimo, ad ispirarti a questo testo, che resta una delle monografie più complete e meno noiose che io abbia mai letto e averle replicate in ciave gluten free non ha fatto che estendere anche ai celiaci l'interesse verso il libro. Hai l'mtc e lo Sb nel dna- e non puoi immaginare quanto ne sia orgogliosa!

        RispondiElimina

      linkwithin

      Related Posts with Thumbnails