mercoledì 3 marzo 2010

Goloso crumble senza glutine

mele
Ultimamente col GAS abbiamo preso delle mele. Effettivamente non erano per niente a km zero (venivano dall'Alto Adige) ma erano buonissime e profumatissime.
Una cassa intera di mele per una famiglia di quattro persone è roba. Tante le abbiamo mangiate a spicchi, ma tante sono finite in dolci.
E dato che ne vado matta, e piace molto anche ai parenti vicini e lontani, ultimamente qui si sono visti passare parecchi crumble di mele!

La crosticina sopra (che, ho scoperto, si può pure chiamare streusel) è squisita, e si sposa benissimo col morbido vagamente acidulato e profumatissimo dell'interno.

Profumatissimo di suo, ma anche con i miei aiutini: zeste di arancia, cannella a gogò, chiodi di garofano e... fava tonka. Tutta colpa di Gaia di Profumo di mamma che me l'ha regalata nella memorabile domenica e di Mamma Iana che la sponsorizza manco fosse al soldo del consorzio di promozione dell'utilizzo della fava tonka. Si, sempre loro, che noia vero?

E poi quando si hanno aiutanti come questi (il mio pargolo) che una ne tagliano e dieci ne mangiano, come si può non usare le mele?

piccolo aiutante con le mele

Insomma, il crumble qui va per la maggiore.
Anche da voi?

Ma soprattutto, come lo fate? Io quello invernale così, semplice semplice.
La ricetta l'ho avuta da un inglese doc, Simon, più di dieci anni fa, quando ancora i food-blog erano di là da venire e tante cose di cucina mica si sapevano...

Lo sapevo di non essere sola ad amare il crumble: c'è già una prima segnalazione utile, dai filologici Cuochi di carta (e come poteva essere altrimenti?).

Se vi piacciono i crumble, nel menu abbiamo anche un gustoso crumble salato, e lo squisito crumble di fragole di Sabrine.

crumble di mele

Crumble di mele senza glutine
IngredientiPer lo streusel
  • 65 g di farina di riso(¶)
  • 35 g di fioretto di mais (¶)
  • 100 g di burro
  • 50 g di zucchero di canna
  • 50 g di zucchero semolato
  • cannella
  • fava tonka
Per il ripieno
  • 1 kg di mele
  • 2 cucchiai di zucchero
  • cannella
  • succo di limone (1 cucchiaio, facoltativo)
  • chiodi di garofano
  • fava tonka
  • buccia di arancia
  • panna liquida o gelato alla vaniglia (¶) (opzionali)
Gli ingredienti contrassegnati con il simbolo (¶) sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere consumati tranquillamente devono essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia.
Preparazione
Tagliare i burro a piccoli tocchetti e unirlo alle farine e al burro. Grattugiare abbondante cannella, e una grattatina di fava tonka.

Si possono ora seguire due strade:
o triturarlo con la mezzaluna oppure farlo a mano, creando un briciolame più grossolano. L'operazione da fare è quela di strofinare il burro, sempre assieme alla farina e allo zucchero, fra le dita facendo il gesto di "soldi, soldi, soldi" (spiegazione a mio avviso chiarissima trovata in un libro delle sorelle Simili).
Io preferisco la versione a mano, mi piace di più la consistenza finale.

Insomma, alla fine deve venire un mix di briciole piuttosto fini.

Nel frattempo sbucciare e affettare le mele a piccoli pezzi, mettervi un cucchiaio di succo di limone per evitare che anneriscano, un paio di cucchiai di zucchero, e le spezie: abbondantissima cannella macinata di fresco, i chiodi di garofano (tritati), le bucce di aranca tritate fini.


crumble di mele

Mescolare bene il tutto e mettere in una pirofila non troppo bassa, io ho usato uno stampo da sufflé. Cospargere sopra lo streusel, ed infilare nel forno preriscaldato a 180° per un'oretta.

Si serve tipiedo, ottimo se accompagnato da panna liquida o gelato alla vaniglia.

Con questa ricetta partecipo al contest "Crumble dolci e salati" di Panna cioccolato e fantasia.

Contest crumble dolci e salati

Partecipo anche all'Abbecedario Culinario della Trattoria MuVaRA, ovviamente per la C come Crumble ;-)





abbecedario culinario 


La ricetta è tratta dal mio libro, pubblicato da Giunti Editore.

http://www.giunti.it/libri/cucina/pasticceria-gluten-free/

22 commenti:

  1. facile e veloce!
    mi piace tanto! e che foto, eh?!!?
    mi piacciono tante anche loro! altro che colorini gialli, come quelle di una volta!!
    ;-)
    un abbraccio.

    ps. stasera dovrei trovare il tempo per fare l'ordine!

    RispondiElimina
  2. @gaia ma grazie! per l'ordine non abbiamo certo fretta, non è che la fava tonka sia esattamente un genere di prima necessità :-)

    per le foto... hem hem... non è solo il bilanciamento del bianco... c'è anche un'altra piccola differenza... (a volte i mariti sono buonissimi)
    a maggior ragione ho bisogno di lezioni di fotografia, sulla quale sono negata.
    ma si può imparare, vero?

    RispondiElimina
  3. Buonoooooo!!! Non l'ho mai fatto, mi sa che devo rimediare! graziep er la ricetta, sei veramente bravissima!
    ciao

    RispondiElimina
  4. Ciomp! Mi sa che corro a sbucciar mele ;-) Grazie per la scusa di usare un tocchetto di burro!
    E se proprio vuoi sapere come faccio i crumble... qui c'è da leggere un tot e in coda anche qualche link.
    Un bacione. Kat

    RispondiElimina
  5. Da te sempre cose speciali!
    Un premio … solare…per te sul mio blog!
    Un saluto,
    Kemi

    RispondiElimina
  6. @luna è facilissimo. buono, e fa la sua figura. e si può fare non solo con le mele, ma praticamente con tutto

    @scribacchini grazie della segnalazione: un post veramente completo, direi. quasi quasi ci metto un bel link, così non me lo perdo

    @kemikonti non è molto speciale, però è veramente buono. grazie per il premio!

    RispondiElimina
  7. fichissimo,brava!
    Mi piace un sacco anche il nuovo look del tuo blog!

    RispondiElimina
  8. ciao gaia....
    bello il nuovo look del tuo blog... le mele io le adoro, è la mia frutta preferita, e poi quelle dell'alto adige sono una vera delizia... le proverò anch'io in questa versione... ti auguro un dolce giorno ^_^

    RispondiElimina
  9. ma quelle manine lì???
    Buonissimo questo crumble!

    RispondiElimina
  10. mmmh sento già il profumo!

    RispondiElimina
  11. @iana contessa...! :-) non è merito mio, comunque, ma della tecnologia

    @alessandra onorata!

    @anna anche me piacciono un sacco le mele. mi sono resa conto che per ora ho postato praticamente solo dolci di mele...

    @alem le manine sono del pargoletto aiutante cuoco. gli piace un sacco tagliare (=mangiare) le mele

    @roberta io purtroppo non più: l'ho fatto sia sabato che domenica, per due pranzi diversi, e non ne è avanzato nemmeno un pochino ;-)

    RispondiElimina
  12. Foro spettacolari!!
    Bravissima!!
    E anche questo dolce mi piace molto..anche io avevo preparato un crumble alle pesche per mia madre che si stava facendo l'impianto e non poteva mangiare ma quello se l'è divorato!!!
    Per quando rigurda le mele ..le metto nei dolci ma me le mangio anche nude e crude ahahahha e guai se non le ho!!!
    Bacissimi

    RispondiElimina
  13. E dire che ho riletto il commento
    FOTO SPETTACOLARI VOLEVO SCRIVERE!!!!!
    Aribaci

    RispondiElimina
  14. Ciao, innanzitutto complimenti per la ricetta e per le belle foto!
    Il crumble mi piace moltissimo e credevo di non poterlo più mangiare, quindi apprezzo molto :) e anche a me sono appena arrivate delle ottime mele con il GAS...
    Spero che ci terremo in contatto, ho molto da imparare e tanta voglia di cucinare... quando avrò un po' di tempo...
    Cosa ne diresti di cercare produttori di grano saraceno, miglio etc. per acquistare direttamente da loro con il GAS, magari anche le farine?
    Tu ci hai già pensato, hai qualche consiglio?
    A presto

    Laura (celiaca fresca fresca di diagnosi!)

    RispondiElimina
  15. @mammazan arrossisco di nuovo :-)
    per le mele, come non concordare con te? e d'estate il crumble di pesche è squisito

    @behemother vedrai che pian piano ti renderai conto che puoi fare quasi tutto. quasi perché certi lievitati fanno dannare l'anima...
    ma le cose come queste, che non richiedono lievitazione o preparazioni particolari, vengono benissimo.

    per i cereali ci avevo pensato anch'io. per le farine è un guaio. da prontuario purtroppo di farine "strane" consentite ce ne sono pochissime. bisognerebbe scovare i produttori e vedere come le preparano.
    ho visto in rete un sito (tibiona) che ha farine di ogni tipo e qualità, ma purtroppo non garantisce l'assenza di contaminazioni

    RispondiElimina
  16. Cara Gaia, bellissimo il crumble..io normalmente ci litigo con queste bricioline da quando non uso piu' la farima..troppo dolce, poco dolce, troppo croccante, poco croccante...ma adesso mi impegno e provo la tua ricetta...ti faro' sapere.
    A presto

    RispondiElimina
  17. gaia, mi manderesti una tua email? artemisia :)

    RispondiElimina
  18. @Glu.fri cosas varias sin gluten dai no vengono bene anche con le nostre farine! mi fa tanto piacere leggerti e sapere che sei di là dall'oceano!

    RispondiElimina
  19. Grazie per il link ;-) Filo che ? ;-)))) E pensare che della pasta filo ad Aosta neanche l'ombra! In quanto alla logica questo è un periodo decisamente squinternato ma forse è giusto così.
    Un bacione. Kat

    RispondiElimina
  20. @kat essere squinternati è una delle cose belle della vita... ogni tanto :-)

    RispondiElimina
  21. Ciao! Certo che puoi partecipare anche se siamo alla D! Al più presto aggiorno la pagina con la C!

    Grazieeeeeee!

    RispondiElimina

linkwithin

Related Posts with Thumbnails